Alia non rispetta i diritti di chi lavora nei festivi?

“Una sentenza ha dato ragione all’organizzazione sindacale Cobas che ha sempre contestato la scelta aziendale di non rispettare il principio di volontarietà per il lavoro durante i giorni di festa”


Queste le dichiarazioni di Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

“Il principio di volontarietà dovrebbe essere riconosciuto a tutte le classi lavoratrici: si devono mettere le persone in condizione di farlo di volta in volta, per ogni festività che si presenti durante il rapporto di lavoro. Queste sono le richieste avanzate dai lavoratori e lavoratrici Cobas di Alia verso la loro dirigenza. La sentenza che ha dato ragione all’organizzazione sindacale non può essere applicata solo a chi ha partecipato alla vertenza. Un diritto è tale perché deve essere riconosciuto a tutte le classi lavoratrici. Minacciare azioni disciplinari è un metodo intimidatorio inaccettabile, specialmente in una partecipata del Comune.

La vittoria in Tribunale Firenze sezione Lavoro è un passo avanti importante: la tutela delle lavoratrici e dei lavoratori passa anche dalla loro libertà di scelta, come quella di proporsi o meno di volta in volta per qualsiasi festivo, religioso o civile. Troviamo assurdo che ancora si debba ricorrere alle vie legali per ottenere l’esercitazione di un diritto già sancito, specie durante una situazione di crisi economica e sociale, come quella che stiamo attraversando.

Esprimiamo quindi i nostri ringraziamenti a chi ha portato avanti questa lotta e ci aspettiamo che la Giunta chieda conto ad Alia delle sue decisioni aziendali. Per questo presenteremo un’interrogazione in questi giorni”.