Buoni pasto buoni a nulla, un nuovo brutto capitolo

Immagine da pexels.com

“Niente da fare. Ieri il Partito Democratico ha cambiato idea su una mozione concordata e già sostenuta sulla vicenda della lavoratrice di Publiacqua licenziata per un commento sui social. Oggi, in commissione, la maggioranza – spiegano i consiglieri di Sinistra Progetto Comune dmitrij Palagi e Antonella Bundu – ha bocciato una mozione sui buoni pasto, dopo l’interlocuzione che sembrava essersi aperta tra il nostro gruppo consiliare e la Giunta, nelle scorse settimane.

Abbiamo chiesto di passare ai buoni pasto elettronici. Ci dicono che tra febbraio e marzo arriveranno.

Abbiamo chiesto di continuare a confrontarsi con Repas per la sua presenza sul territorio fiorentino. Ci dicono che lo stanno facendo.

Abbiamo chiesto di aprire una riflessione sull’aumento del valore nominale dei buoni pasto (da 7 a 8 euro). Ci è stato detto che non è di competenza del Comune. Allora abbiamo semplicemente chiesto di avviare tutti i confronti necessari per valutare la possibilità.

Richieste di buon senso, votate dai gruppi della destra presenti ma bocciate dal centrosinistra. Che in due giorni registra la sua distanza dalla tematica della difesa dei diritti di lavoratori e lavoratrici. Speriamo non sia per questioni di mero orgoglio piccato. Noi – concludono i consiglieri di Sinistra Progetto Comune Antonella Bundu e Dmitrij Palagi – continueremo a proporre costruttivamente gli atti. Anche se rimaniamo davvero senza parole di fronte ai comportamenti a cui stiamo assistendo”.


Cliccando qui la mozione auto-emendata per cercare una convergenza con la maggioranza…