Centri diurni: si sta procedendo a una piena riattivazione dei servizi

“In risposta a un nostro question time è stato chiarito che le liste di attesa per i centri diurni e le RSA esistono, non sono vuote e che i problemi di riapertura delle strutture e di piena operatività riguardano le norme”


Dmitrij Palagi, Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

Forte è stata la retorica di gratitudine verso il personale all’interno delle RSA e di supporto alle persone in condizioni di fragilità, come avviene all’interno dei centri diurni.

Le nuove disposizioni regionali e delle aziende sanitarie sembrano mettere in condizione la ripresa delle attività e di piena operatività per tutte le strutture, a fronte di norme che hanno scelto il principio di maggiore precauzione possibile, senza trovare evidentemente soluzioni alternative.

L’attuale situazione è causa di ricorso alla FIS per chi lavora e per la mancanza di servizi verso i nuclei familiari in condizione di bisogno. Restiamo in attesa di avere i dettagli comunicati oggi in consiglio anche in forma scritta, vista la disponibilità dell’Assessora, e confidiamo che le istituzioni possano non dimenticarsi di un settore fondamentale per la cittadinanza e per la classe lavoratrice già sacrificata dal sistema degli appalti.

L’ultimo auspicio che abbiamo voluto comunicare in aula è che la Società della Salute accolga finalmente in positivo la richiesta di incontro avanzata da CUB e ADINA.


Foto di eberhard grossgasteiger da Pixabay