Dispiacere e incertezza non sono una risposta adeguata

Foto di Lucas Zimmermann da www.collater.al

L’Assessore alle infrastrutture e alla mobilità si dice dispiaciuto che la mozione che abbiamo presentato per un semaforo su Lungarno Aldo Moro sia stata tardiva.

La responsabilità però è tutta da ascrivere alla maggioranza.

Perché questo intervento è stato richiesto con un atto di Sinistra Progetto Comune, giunto con molto ritardo in Commissione 6, all’interno della quale ci era stato assicurato che grazie alle nostra mozione si stava procedendo all’operazione.

Avevamo rifiutato di ritirare la mozione, fino a che quel semaforo non fosse stato installato.

Siamo poi arrivati in Consiglio comunale, a distanza di ulteriori numerose settimane.

Il gruppo del Partito Democratico ha comunque voluto comunque bocciare la nostra mozione, dicendo che non ci fidavamo di una Giunta che già stava procedendo.

Poi l’Assessore già ha risposto che per incertezze di bilancio non era in grado di stimare quando sarebbe stato installato il semaforo…

A noi però era stato garantito che invece tutto era già sostanzialmente “a posto”.

A nuova ulteriore interrogazione la Giunta si dice dispiaciuta che la nostra mozione sia stata tardiva.

Di tardivo c’è solo l’operare della maggioranza e di chi ci Governa, la fumosità di impegni che vengono presi senza rispetto per i gruppi consiliari e per la cittadinanza.

Sulle piccole cose si possono misurare molti elementi. A partire dalla qualità del governo locale e del suo rapporto con la cittadinanza, per passare a quella del centrosinistra nei confronti delle istituzioni e delle altre forze politiche.


Il testo dell’interrogazione cliccando qui, la risposta cliccando qui.