Il ddl Zan venga discusso e votato il prima possibile dal Senato

“Depositata una risoluzione per chiedere al Parlamento di concludere urgentemente l’iter della proposta di legge già approvata dalla Camera”
Foto da pixabay.com

Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

“A giugno dello scorso anno il Consiglio comunale di Firenze ha bocciato una proposta della Lega “contro le proposte di legge penali di contrasto alla cosiddetta omotransfobia”.

L’episodio ci sembra giustificare da solo l’importanza della risoluzione appena depositata a sostegno della cosiddetta legge Zan, già approvata alla Camera il 4 novembre 2020 e bloccata al Senato, a cui il testo è stato assegnato il giorno successivo, senza che si sia iniziata la sua lettura.

La Regione Toscana porta avanti da tempo un impegno, sostenuto e rafforzato dalle sinistre di opposizione, per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni determinate dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere. 

Il Comune di Firenze aderisce a sua volta all’importante rete RE.A.DY e in Commissione 7 è già stata approvata la nostra proposta di adesione, con presenza del gonfalone al Toscana Pride 2021 (qualora sia possibile).

Siamo quindi certi di poter trovare in Palazzo Vecchio un’ampia convergenza, ma è importante un’azione urgente, per dare un segnale politico forte e non rinviabile.

Tutte le forze politiche della nostra coalizione sono ovviamente impegnate per la prevenzione e il contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati su sesso, genere, orientamento sessuale, identità di genere e disabilità.

Alcune realtà hanno aderito, come il nostro gruppo consiliare, alla campagna Dà voce al rispetto, ma vogliamo ringraziare Possibile per averci sollecitato rispetto a un contesto pieno di scadenze e urgenze, con lavori consiliari resi più complessi dalle modalità telematiche”.