Lavoro agile: da necessità a questione politica

Il lavoro agile ha riguardato migliaia di lavoratori e lavoratrici “all’improvviso”, con l’emergenza Covid-19. Tante condizioni di difficoltà vengono ancora oggi ritenute secondarie, rispetto al rischio di inoccupazione. I diritti sembrano essere contrapposti, in un confronto al ribasso tra chi sta male e chi peggio… Il Consigliere comunale Dmitrij Palagi ha partecipato a un’iniziativa telematica sul tema, organizzata da Rifondazione Comunista, con Paola Galgani (Segretaria della Camera del Lavoro di Firenze), Danilo Conte (avvocato, specializzato in diritto del lavoro) e Venera Piluso (lavoratrice in situazione di lavoro agile), coordinati da Roberto Travagli della Segreteria provinciale di Rifondazione Comunista.

Si tratta di un tema di cui la politica dovrà necessariamente tenere conto nell’immediato futuro, in un confronto con le varie parti sociali, a partire dalle organizzazioni sindacali.