Con la FLC contro l’autonomia differenziata

Ci siamo confrontati con la FLC Cgil riguardo l’autonomia differenziata. Opportunità per tutti o solo per i ricchi? Solo per i ricchi.

FATE GIRARE! No, scherziamo. Ascoltate il video per capire la battuta.

Siamo con Paola Pisano, Segretaria FLC CGIL Firenze, all’iniziativa Autonomia differenziata: secessione per ricchi o opportunità?.

Proviamo a dirvi brevemente perché è importante parlare di questo tema.

Abbiamo partecipato al convegno “Autonomia differenziata: secessione per i ricchi o un’opportunità? e abbiamo chiesto alla FLC Cgil un commento. Noi crediamo che l’autonomia differenziata sia un attacco alla unità del nostro Paese e a tutte le lavoratrici, i cittadini, i giovani e gli anziani che hanno diritto a servizi di qualità.

Condividi questo articolo per far crescere la partecipazione!

La politica delle donne, a partire dal lavoro

La politica delle donne, per tutti. Quale ruolo hanno oggi le donne nella società? Rimettiamo in discussioni i ruoli di genere e lavoriamo per costruire una società più giusta.

Abbiamo una candidata a sindaca donna. Al momento è l’unica sulla scheda elettorale per le amministrative del 2019. Ovviamente questo non toglie assolutamente niente al profilo politico di Antonella Bundu, la cui grinta e determinazione guidano l’ampia coalizione di Firenze Città Aperta, fatta di storie politiche diverse ma ben radicate in città.

Può essere utile per provare a pensare al rapporto tra politica e parità di genere, che diventa troppo spesso un tema numerico. Quante ministre con Renzi, quante sotto l’attuale governo, quante nella Giunta Nardella e così via. Il tema complesso è quale ruolo hanno oggi le donne nella società. La disparità salariale ci parla di quanta ipocrisia circoli nella nostra società. Quello lavorativo è quindi inevitabilmente il primo aspetto in cui affrontare la disuguaglianza di genere. Una riflessione è indispensabile, da parte della politica e delle amministrazioni comunali, su come ripensare il modello familiare e quell’impegno di “cura” privato non retribuito a chi si prende in carico figli o genitori. Questo non vuol dire scadere nella propaganda, ma avere senso della realtà. Pensare al tema per come si traduce quotidianamente e mettere in condizione chi è donna di avere pari diritti e opportunità.

Per questo è importante avere Antonella Bundu come nostra candidata sindaca 2019, per dare al Comune di Firenze un ruolo centrale nel cambiamento indispensabile per migliorare la città e il mondo in cui viviamo!

Condividi questo articolo per far crescere la partecipazione!

Qui trovi il volantino in formato elettronico, diffondilo online, sul posto di lavoro, in famiglia: costruiamo una città aperta, impegniamoci tutte e tutti insieme!

Differenziamo i rifiuti, non la scuola

Un intervento sull’Autonomia differenziata ed i pericoli che comporta.

Giuseppe Adduci, attivista

Nella cosidetta “autonomia differenziata” di cui si sta molto discutendo ultimamente ci sono varie questioni che non convincono, sia di merito che di metodo. Nel merito del problema, dietro alla ragionevole parola “autonomia” si nasconde in realtà una grave ingiustizia: pensare di delegare ulteriori ed esclusive competenze alle regioni prima che in tutta Italia si sia raggiunto un livello omogeneo di servizi e di qualità significa nei fatti affermare che i cittadini non saranno più uguali; non si potranno curare allo stesso modo, non andranno più a scuola nello stesso modo, non avranno più l’accesso universale ed uguale ai servizi fondamentali.  

Dal punto di vista del metodo, non si capisce come si pensi di dare competenza piena su tutte le 23 materie dell’art. 116, terzo comma a Veneto e Lombardia (l’Emilia Romagna ne ha chieste 16) senza che siano ben chiari i limiti costituzionali di questo trasferimento e del possibile intervento dello stato, peraltro volendo gestire la cosa tra Regioni e Governo, senza che al Parlamento sia permessa una discussione puntuale, seria e approfondita. Mi pare evidente che, oltre a una palese mancanza di trasparenza della discussione, questa grande confusione produrrà soltanto caos e frenetica attività per la Corte Costituzionale, come sempre chiamata a rimediare alle situazioni pasticciate dei governi.

Qui potete trovare alcune considerazioni riguardanti l’Autonomia Differenziata scritte da Giuseppe Adduci, che ringraziamo per la collaborazione.

Condividi questo articolo per far crescere la partecipazione!