Piazzale Michelangelo: che confusione

“Attendiamo di ricevere gli atti richiesti in questi giorni. Una concessione va in scadenza a fine ottobre 2021. L’area del campeggio ci è stato detto che doveva essere già stata restituita per realizzare un’area verde. Ora si parla di creare un bar e dell’assenza di scadenze per la discoteca”
Foto di Giada Funghi

Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

“Da più di due anni si parla di un’area verde che doveva essere restituita al Comune di Firenze, dove un tempo sorgeva il campeggio di piazzale Michelangelo.

Avevano parlato di una soluzione anticipata rispetto alla scadenza di fine ottobre 2021. Oggi ci viene detto che l’area interessata non sarebbe quella occupata dalla discoteca Flò. Ci sarà invece una parte trasformata in struttura ricettiva, come un bar o un ristorante.

L’ennesima realtà da dare ai privati, in un’area di grande valore per la nostra città, che merita soluzioni pubbliche.
Oggi si è parlato di bandi e di progetti.

Attendiamo di vedere tutta la documentazione, perché onestamente non c’è stata chiarezza su come è divisa la zona.

Il Giardino dell’Iris è un conto. Il parco Mario Luzi un altro. La discoteca Flò un altro ancora e così il futuro bar. Questo ci è chiaro.

Non capiamo perché invece non si vogliano chiarire tutti gli accordi fatto con il Gruppo Human Company. Approfondiremo, di questo siamo certi.

Perché fino a oggi ci era stata solo promessa un’area verde che non c’è, con lo stato di abbandono dell’ex campeggio e un soggetto privato che può trarre profitto da una delle parti più belle della nostra città, sottratta al pubblico godimento”.