Servizi bibliotecari: voci di tagli e assenza di direzione?

“Come per il servizio casa, ecco un altro pezzo essenziale del nostro ente privo di figura dirigente, senza sostituzione a seguito dei pensionamenti. In più si rincorrono voci preoccupanti di tagli. Per questo lunedì porteremo di nuovo il tema in aula con un question time.”


Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

“Il servizio casa è essenziale anche secondo chi ci governa. Da mesi si aspetta l’uscita del nuovo bando ERP.

Quando abbiamo chiesto come si intendeva procedere a seguito del pensionamento della dirigente di questo settore ci è stato risposto che era presto (mancavano pochi giorni): poi è arrivata la denuncia delle organizzazioni sindacali sul caos che si rischia senza adeguate decisioni organizzative (e senza le indispensabili assunzioni).

Anche per i servizi bibliotecari non siamo messi bene: torna, la Giunta ci ha detto che li ritiene essenziali, quindi anche qui è bene regni il caos!

Ci risulta si sia scelta la via di una nomina ex articolo 110 a tempo determinato, svilendo le competenze interne all’Amministrazione.

La commissione si è costituita da molte settimane ma non abbiamo capito a che punto siamo, nonostante da molto tempo si parli di internalizzazione dei servizi e l’appalto sia stato prorogato fino a settembre (quindi le urgenze sono molte).

Non solo, si inseguono voci di tagli alle risorse stanziate per questo servizio, proprio legate al bando di gara per i prossimi anni. Confidiamo siano solo il frutto della condizione di incertezza in cui si trova la nostra città.

Lunedì confidiamo che la Giunta e il Sindaco possano rassicurare tutta Firenze. I servizi essenziali vanno difesi, rilanciati, curati: saremo anche forza di opposizione, ma ci interessa il bene comune del nostro territorio”.