Su residenze e aeroporto bene se il Sindaco cambia linea

Foto da pxhere.com

L’articolo su Repubblica Firenze cliccando qui.

“Come il resto della città abbiamo letto questa mattina la lunga intervista rilasciata dal Sindaco su come immagine di governare il nostro Comune nei prossimi anni. Positivamente – dichiarano Dmitrij Palagi e Antonella Bundu di Sinistra Progetto Comune – vediamo riconosciute alcune problematiche sollevate in campagna elettorale e troppo speso liquidiate come incapacità di stare al passo con i tempi. La fragilità che abbiamo scoperto appartenere al nostro territorio, come in generale al modello di sviluppo a cui ci eravamo assuefatti come fosse inevitabile, è ora un’evidenza. Il documento di Sinistra Italiana qualifica la discussione cittadina in modo costruttivo e chiaro, come ci siamo impegnati a fare come coalizione di Sinistra Progetto Comune in Palazzo Vecchio. Speriamo che siano posizioni che presto potremo discutere anche in Consiglio comunale, anziché limitarci a leggerle sula stampa…”.

“Leggiamo sulla stampa che il Sindaco Nardella annuncia una svolta nella politica cittadina per uscire dalla dipendenza economica dal turismo e dare nuova vita al centro storico e alla città tutta e ne siamo lieti – è quanto si legge nella nota di Sinistra Italiana Firenze – d’altronde sono anni che avanziamo proposte in tal senso: più trasporti pubblici in centro, una politica dell’abitare che investa su Erp e Studentati, investimenti pubblici per guidare l’inserimento di nuove realtà produttive e sociali nei vuoti urbanistici che l’amministrazione ha sempre voluto vendere per far cassa.
La svolta dovrà però essere guidata da principi di equità sociale, paghi di più chi più ha. Non siamo contrari all’idea di indebitarsi per rilanciare la città, ma prima di farlo riteniamo che vada utilizzata la leva fiscale. Chiedere a chi negli anni si è arricchito e a chi guadagna migliaia di euro all’anno di contribuire alla rinascita di Firenze consentirà di creare una città più giusta, rispettando i principi di una tassazione progressiva come richiesto dalla Costituzione.
Riteniamo che il compito della politica deve essere quello di immaginare il futuro e porre le condizioni perché questo si realizzi: dopo anni in cui è stato il privato a guidare i cambiamenti della città crediamo sia giunto il momento perché l’Amministrazione Comunale si ponga al timone dello sviluppo sociale, economico, ambientale e urbanistico di Firenze. Chiediamo con forza che di apra un tavolo con tutte le forze politiche e le realtà sociali per iniziare a disegnare la città del domani a partire dal nuovo Piano Operativo Comunale e da tutte le iniziative che verranno prese per rispondere all’attuale crisi sanitaria e sociale”.


Cliccando qui il documento di Sinistra Italiana Firenze.