Buoni pasto buoni a nulla, un nuovo brutto capitolo

Immagine da pexels.com

“Niente da fare. Ieri il Partito Democratico ha cambiato idea su una mozione concordata e già sostenuta sulla vicenda della lavoratrice di Publiacqua licenziata per un commento sui social. Oggi, in commissione, la maggioranza – spiegano i consiglieri di Sinistra Progetto Comune dmitrij Palagi e Antonella Bundu – ha bocciato una mozione sui buoni pasto, dopo l’interlocuzione che sembrava essersi aperta tra il nostro gruppo consiliare e la Giunta, nelle scorse settimane. Leggi tutto “Buoni pasto buoni a nulla, un nuovo brutto capitolo”

Buoni pasto: a disposizione per risolvere la situazione

Buoni pasto: la situazione si fa sempre più pesante per le dipendenti e i dipendenti comunali.

Ci risulta che tra le decine di nuovi esercenti convenzionati, almeno segnalati all’Amministrazione dal gestore Repas, alcuni non sappiano nemmeno dell’esistenza di tale azienda, mentre almeno uno sarebbe chiuso.

Bene che il governo locale voglia accelerare sui buoni pasto elettronici, come avevamo asupicato insieme al sindacato di base. Leggi tutto “Buoni pasto: a disposizione per risolvere la situazione”

In vista del cenone, dipendenti del Comune senza pranzo?

Siamo tornati sul tema dei buoni pasto (qui l’uscita precedente). La notizia è stata riportata anche da la Nazione (qui).


“In queste ore è arrivata la risposta ad un’interrogazione depositata per avere ulteriori chiarimenti in merito alla questione dei buoni pasto per lavoratori e lavoratrici del Comune di Firenze…

Ci è stato detto – spiega il consigliere di Sinistra Progetto Comune Dmitrij Palagi – che i buoni pasto elettronici potrebbero arrivare il primo febbraio 2020. Leggi tutto “In vista del cenone, dipendenti del Comune senza pranzo?”

Buoni pasto buoni a nulla per il Comune di Firenze?

Ordine del giorno bocciato

Questo l’intervento del consigliere Dmitrij Palagi, Sinistra Progetto Comune

“Eravamo rimasti con l’amaro in bocca della fornitura dei buoni-spesa, più che buoni-pasto, di Repas. Non  perché avessimo da eccepire alcunché sul fornitore in quanto tale, piuttosto per il comportamento del Comune di Firenze in sede di gara, avendo presumibilmente scelto il fornitore col criterio del massimo ribasso anziché dell’offerta economicamente più vantaggiosa, visto che la distribuzione territoriale degli esercizi convenzionati è fortemente squilibrata rispetto a sedi importanti del Comune di Firenze, dove lavorano diverse centinaia di dipendenti. Checché l’Assessore Martini e la Consigliera Albanese – con una certa confusione rispetto alla fornitura DAY – dicano che già in queste poche ore gli esercizi convenzionati si sarebbero moltiplicati come funghi. Leggi tutto “Buoni pasto buoni a nulla per il Comune di Firenze?”