Rusciano: partecipazione e coinvolgimenti della cittadinanza devono essere una priorità

“Impegno a fare un sopralluogo entro la fine di luglio e annuncio della natura pubblica del soggetto che gestirà l’edificio, che rimarrà di proprietà del Comune”
Foto Comune di Firenze (https://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0/deed.it)

Dmitrij Palagi, Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

La Giunta ha riconosciuto che la scelta di non vendere Rusciano è stata presa nel 2019 e votata nel 2020: quindi nessuna novità.

Il Sindaco ha parlato di svolta storica, ma al momento non è dato sapere quasi nulla, se non che un soggetto pubblico sta per chiudere un accordo con il Comune di Firenze, che manterrà la proprietà dell’immobile e dell’area verde. Leggi tutto “Rusciano: partecipazione e coinvolgimenti della cittadinanza devono essere una priorità”

Rusciano: gli annunci e le sorprese valgono meno della partecipazione

“Le parole del Sindaco che parlano di una svolta pretendono maggiore chiarezza, a partire dal Consiglio comunale di lunedì”
Foto Comune di Firenze (https://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0/deed.it)

Un articolo de la Nazione cliccando qui.


Dmitrij Palagi, Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune
Luigi Casamento – Sinistra Progetto Comune Quartiere 3

Ma la partecipazione cosa è? Sul futuro della Villa di Rusciano e del suo parco si è attivata da molto tempo la cittadinanza, ottenendo il futuro pubblico dell’area, che ora il Sindaco rivendica come presunta novità, quando è da tempo che questa giusta decisione è stata presa. Centrale è stato il ruolo di Firenze Riparte a Sinistra, in Palazzo Vecchio e al quartiere 3, che non hai mai fatto venire meno l’attenzione sul tema. Leggi tutto “Rusciano: gli annunci e le sorprese valgono meno della partecipazione”

Sacchi rossi Covid-19: un passo avanti per l’ambiente in Commissione

“Oggi i sacchi rossi devono essere gettati anche se in pacchi mai aperti e inutilizzati. Chiederemo con tutto il Consiglio comunale che sia possibile restituirli”


Dmitrij Palagi, Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

“Ringraziamo il Presidente della Commissione 6 per aver accompagnato la nostra mozione con un percorso di approfondimento e confronto. Abbiamo accettato di venire incontro alle richieste della maggioranza, perché alla fine – spiegano i consiglieri di Sinistra Progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – si è condiviso anche con gli altri gruppi politici l’obiettivo: da una parte individuare una modalità per restituire i chili di plastica del kit Covid-19 che rimangono inutilizzati dalla cittadinanza, dall’altra prevedere che il centralino di ALIA informi come orientarsi per chi chiama per avere informazioni. Leggi tutto “Sacchi rossi Covid-19: un passo avanti per l’ambiente in Commissione”

Code in questura: oscenità istituzionale

“Preoccupati per il protrarsi di una situazione già segnalata dalla cittadinanza e che oggi ha trovato spazio anche sulla stampa. Lunedì domanda di attualità in Consiglio comunale”
Da Google Maps

Dmitrij Palagi, Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

“Sulla stampa di oggi è riportata la notizia delle continue code a cui le istituzioni costringono centinaia di persone, in una situazione assurda e inaccettabile, specialmente durante una pandemia.

Le pratiche dei permessi di soggiorno costringono una parte di umanità presente sul nostro territorio a subire procedure umilianti, per ore in coda, all’aperto, senza possibilità di andare in bagno. Alla base di questa situazione ci sarebbe la sospensione di un sistema di prenotazione on-line.

La cittadinanza e l’associazionismo è da molto che sollevano il tema, mentre non ci risulta nessuna presa di posizione del nostro Comune: immaginiamo che non voglia nascondersi dietro ad argomentazioni legate agli ambiti di competenza. Quello che sta avvenendo è sul nostro territorio e Palazzo Vecchio fa parte del sistema istituzionale pubblico, quindi diamo per scontato che si sia attivato per risolvere il prima possibile una situazione davvero insostenibile.

Leggi tutto “Code in questura: oscenità istituzionale”