Leopolda, un quartiere dimenticato?

Immagine da Google Maps

Queste le dichiarazioni di Dmitrij Palagi, Sinistra Progetto Comune

“Non c’è peggiore politica di quella che accampa scuse per la propria incapacità nel risolvere i problemi (specialmente se è evidente che manca la volontà). La vicenda è stata più volte denunciata da parte di Sinistra Progetto Comune. Nel cosiddetto quartiere Leopolda ci sono 35 alloggi a canone agevolato riservati per il personale dello Stato impegnato a contrastare la criminalità organizzata. Dovevano essere di più, ma la ditta che ha usufruito delle agevolazioni economiche per gli interventi in quella zona della città è fallita, lasciando tra l’altro numerosi problemi e disservizi a tutta la popolazione del luogo (come più volte denunciato anche dal Comitato per la Rinascita della Leopolda).

Il problema è che i 35 nuclei familiari assegnatari degli alloggi non solo si sono ritrovati in una zona priva di adeguati servizi, ma hanno pure pagato un canone più alto del dovuto. Il Comune di Firenze nega le sue responsabilità, sostiene che non aveva alcun compito in merito alla necessità di verificare che l’affitto fosse corretto. Leggi tutto “Leopolda, un quartiere dimenticato?”

Leopolda: una zona della città che crea imbarazzo?

Immagine da Google Maps

Dopo mesi abbiamo ricevuto una sola risposta su cinque. Ci sono 35 nuclei familiari che per oltre un decennio hanno pagato un importo più caro del dovuto di affitto e c’è una zona che attende da troppo tempo adeguata attenzione da parte del governo locale”


Queste le dichiarazioni di Dmitrij Palagi, Sinistra Progetto Comune


“Abbiamo aspettato mesi una risposta all’interrogazione, che è arrivata, senza rispondere (a quattro domande su cinque). Non male, malissimo… Soprattutto perché la pandemia non può giustificare l’assenza di informazioni nel mese di febbraio. Prima che l’emergenza Covid-19 si imponesse, grazie a degli accessi agli atti, avevamo già in parte avuto conferma delle uniche cose che l’Assessore ha scelto di dirci. Leggi tutto “Leopolda: una zona della città che crea imbarazzo?”

Far fronte al bisogno della casa, difendere il diritto all’abitare

Foto di Stephen Bain da wikipedia.org

“La sinistra in città – spiegano i consiglieri comunali di Sinistra Progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu insieme alla responsabile nazionale casa di Rifondazione Comunista Monica Sgherri ed a Francesco Torrigiani e Massimo Torelli di Firenze Città Aperta – si è sempre occupata di emergenza abitativa. La necessità di un nuovo piano di edilizia residenziale pubblica è una richiesta storica, condivisa, a livello nazionale e locale, da tante associazioni e realtà organizzate.

Il Governo nazionale ha prorogato l’esecuzione degli sfratti fino a settembre, sbloccando i fondi previsti per i contributi agli affitti, arrivati a Firenze tramite un primo bando legato a chi ha subito una diminuzione di reddito per l’emergenza Covid-19. Se nel breve periodo si è trattato di una risposta necessaria, ora occorrono interventi strutturali. Leggi tutto “Far fronte al bisogno della casa, difendere il diritto all’abitare”

Diritto alla casa, diritto all’abitare: un’iniziativa (a distanza)

“Il video dell’iniziativa che avremmo organizzato all’interno di Palazzo Vecchio, in un momento privo di restrizioni”


“Il blocco degli sfratti non affronta il problema dell’emergenza abitativa. Si limita a sospendere un dramma difficilmente risolvibile in questa situazione legata alla pandemia. Nel frattempo i contributi agli affitti risultano insufficienti alle necessità e il tema del diritto alla casa si annuncia come un fronte critico per l’immediato futuro. Il diritto ad avere un tetto sopra la propria testa fa parte dei nostri principi costituzionali, ma da tempo fa parte delle fragilità della nostra società, delle nostre città. Senza un nuovo piano di edilizia popolare, incentrato sul recupero del patrimonio già edificato, difficilmente si potrà far fronte alla situazione. Di questo tema abbiamo parlato con Marzia Mecocci (Movimento di lotta per la casa Firenze), Massimo Pasquini (Segretario Nazionale Unione Inquilini), Monica Sgherri (responsabile nazionale casa Rifondazione) e Duccio Vignoli (Resistenza Casa Sportello Solidale), coordinati da Dmitrij Palagi (Consigliere comunale di Sinistra Progetto Comune). Sarebbe stata un’iniziativa che avremmo tenuto volentieri all’interno di Palazzo Vecchio, in sala Firenze Capitale. Purtroppo è ancora impossibile immaginare da quale data si potrà tornare a farle. Abbiamo quindi registrato a distanza la conversazione che rendiamo adesso disponibile per tutta la Città e chiunque fosse interessato. L’emergenza abitativa interesserà Firenze in modo particolare, occorrerà grande capacità di ascolto da parte delle istituzioni”.

Emergenza affitto nell’emergenza COVID-19

“Un appello nazionale da firmare e richieste alla Regione Toscana da sostenere”


“Senza immediate risposta l’emergenza sanitaria e quella economica rischiano di aggravarsi con l’esplosione della crisi abitativa. Chi vive in affitto – sottolineano i consiglieri di Sinistra Progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – avrà enormi difficoltà a sostenere i canoni e le spese condominiali. La morosità incolpevole di migliaia di famiglie e persone deve essere evitata. Vale per la classe lavoratrice in cassa integrazione o rimasta senza impiego, per la popolazione studentesca fuori sede e per tutte quelle situazioni già al limite della sostenibilità nel recente passato, oggi colpite dagli effetti della diffusione del Covid-19. Leggi tutto “Emergenza affitto nell’emergenza COVID-19”

Blocco degli sfratti, il buon senso prevale

Immagine da needpix.com

Questo l’intervento di Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

“Avevamo chiesto se era intenzione dell’Amministrazione comunale di Firenze muoversi per chiedere il blocco degli sfratti, in questa situazione di emergenza.

La Vice Sindaca, durante la comunicazione di oggi, che ha sostituito tutti i lavori previsti, ha voluto risponderci e registriamo la nota positiva. Leggi tutto “Blocco degli sfratti, il buon senso prevale”