Residenza, sfratti e licenziamenti impongono soluzioni

“La Giunta ci ha parlato di un’interlocuzione diretta con il Ministero che avrebbe portato a una nuova circolare di riferimento, funzionale a sbloccare la situazione di troppe persone che vivono sul nostro territorio ma di cui non si riconosce neppure l’esistenza”


Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

“Il complicarsi della situazione pandemica ha accelerato i confronti tra il Comune di Firenze e il Ministero dell’Interno sul tema delle residenze anagrafiche, in particolare sul tema delle vaccinazioni.

Il risultato è una circolare diramata nei primi di maggio, agli enti locali, nella quale si richiede un’attenzione particolare sul punto della residenza, che dovrebbe essere riconosciuta a chiunque viva sul territorio comunale.

Sono alcune delle informazioni fornite oggi dall’Assessora, in risposta a un nostro question time. Leggi tutto “Residenza, sfratti e licenziamenti impongono soluzioni”

Una città vetrina, sempre più vuota di persone residenti

È un testo troppo lungo, chiedo scusa a chi sceglierà di “impegnare” il suo tempo a leggerlo.

Grazie all’Associazione Progetto Firenze c’è stata ampia diffusione dei dati dell’ufficio statistica della Città di Firenze (oggi è sul Corriere Fiorentino, ma è uscita anche da un paio di giorni su StampToscana: https://www.stamptoscana.it/firenze-sempre-piu-vuota…/)

In questo ultimo anno abbiamo perso molta popolazione residente.

C’è un docente universitario che ha parlato di furia ideologica nel ritenere la cosa rilevante. La cosa sarebbe normale, secondo questa persona.
Cosa si dice essere normale? Che le persone giovani o le famiglie con figlie e figli preferiscano andarsene da un centro urbano.
Ci dice anche che l’unica speranza per il nostro futuro è l’immigrazione.
Interessante.

Leggi tutto “Una città vetrina, sempre più vuota di persone residenti”

Bambino di due anni senza residenza: una soluzione in ritardo, ma necessaria

“Soddisfazione per la risposta ricevuta dalla nuova Assessora. Ora la stessa soluzione diventi norma per tutto il territorio fiorentino, e che la Giunta coinvolga anche il Consiglio comunale nel confronto con la nuova Prefetta”


Di Frank M. Rafik from Berlin, da wikimedia.org

Queste le dichiarazioni di Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune


“La vicenda del bambino di due anni pare aver trovato una soluzione. Diciamo pare, perché la stessa risposta ci era stata data un mese fa. Però non abbiamo altri motivi per dubitare che via del Leone 35 sarà l’indirizzo a cui verrà data la residenza a una persona nata e cresciuta nella nostra città, cittadina italiana e priva di alcuna responsabilità. Stessa possibilità pare intravedersi per la madre.

Leggi tutto “Bambino di due anni senza residenza: una soluzione in ritardo, ma necessaria”

Un bambino di due anni che il Comune di Firenze ha deciso di cancellare

“La Giunta ci aveva garantito che la vicenda aveva trovato una soluzione. A distanza di un mese prendiamo atto che non è cambiato nulla. La politica non scarichi sugli uffici le sue responsabilità. Lunedì domanda di attualità”


Fotogramma da Star Wars: Episodio III – La vendetta dei Sith

Queste le dichiarazioni di Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune


“Un bambino nato e cresciuto a Firenze, cittadino italiano, si è visto cancellare la residenza dal suo comune, insieme alla madre. Perché? Perché hanno raggiunto il padre, che vive in una casa del Comune senza esserne titolato (ma pagando regolarmente il canone) e quindi per legge non sarebbe possibile trovare una soluzione. Mamma e figlio infatti si sono trasferiti senza poter spostare la residenza.

In piena pandemia Covid-19, nonostante il Consiglio comunale avesse chiesto di bloccare le cancellazioni per non reperibilità, il Comune ha verificato che non abitavano più all’indirizzo precedente e ha proceduto a “rimuoverli” tra la popolazione ufficiale presente sul territorio.

Leggi tutto “Un bambino di due anni che il Comune di Firenze ha deciso di cancellare”

Residenze cancellate: soluzione per il bambino, ma per la madre?

“La risposta di oggi non va oltre il caso specifico segnalato pubblicamente, che viene risolto solo parzialmente”


A child looking at “Apolide” by Oppy De Bernardo (scan from negative, Fomapan 200, Leica IIIc, Summitar 5cm f/2). Da wikimedia.org

Queste le dichiarazioni di Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune


“La Giunta dovrà vedere riassegnata la delega servizi demografici. Ci dovrà dare subito dopo conto di come mai non si sia dato seguito all’atto approvato dal Consiglio comunale di Firenze, con cui si chiedeva di bloccare la cancellazione delle residenze anagrafiche. Un bambino di due anni e sua madre a giugno si sono visti negare ogni diritto. Lui, cittadino italiano, è nato e cresciuto a Firenze. Ma aveva smesso di esistere. Il suo caso è stato risolto. Quello della madre no.

Leggi tutto “Residenze cancellate: soluzione per il bambino, ma per la madre?”

Cancellata la residenza a un bambino di 2 anni nato e “cresciuto” a Firenze

Immagine da pxhere.com

L’articolo su StampToscana, cliccando qui.


“Il Consiglio comunale aveva votato la sospensione delle cancellazioni di residenza per non reperibilità durante l’emergenza Covid-19. Il caso è grave e ci preoccupa. Lunedì domanda di attualità”


“Un bambino nato a Firenze e cittadino italiano, che vive nella nostra città, non ha più una residenza. Ufficialmente quindi non esiste. Non ha diritti e non può avere nemmeno doveri. Ha due anni.

Questa vicenda – spiegano i consiglieri di Sinistra Progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – è stata denunciata dai Cobas e riportata ieri da StampToscana. In realtà si lega a una vicenda familiare già segnalata alla Giunta, evidentemente senza esito.

Leggi tutto “Cancellata la residenza a un bambino di 2 anni nato e “cresciuto” a Firenze”