Turismo senza limiti: preoccupati per la Firenze futuribile

“Completamente sparite le problematiche che pure la Giunta riconosceva derivare dal fenomeno dell’overtourism. Investire senza riserve nella promozione del Rinascimento come brand da esportare in modo sempre più intensivo è un errore di cui tutta la città pagherà le conseguenze”
Foto di Bryan Thomas

Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune
Associazione Progetto Firenze

“Dal nuovo rinascimento in Arabia Saudita al rinascimento senza fine per promuovere Firenze sul mercato del turismo internazionale, con un occhio di riguardo a quello di lusso.

La città del futuro che chi ci governa immagina è di nuovo quella ostaggio dell’overtourism, dove ad essere favorite sono le logiche della rendita, impoverendo il territorio e il lavoro, scacciando la residenza?

La Giunta è chiarissima: Firenze invita il turismo a tornare, per anticipare e “battere” le realtà concorrenti, persino quelle che comunque sono sul nostro territorio nazionale, come Roma e Venezia. Perché non restituire la nostra città a chi ci vive e lavora ogni giorno, invece di proporre di “regalarla” al turismo? Leggi tutto “Turismo senza limiti: preoccupati per la Firenze futuribile”

I piedi sulla città: prima tappa

“In pandemia le forme di partecipazione si sono ridotte, con un digitale che non può sostituire alcune forme di confronto e ascolto. Attraverseremo la città per capire meglio i bisogni dopo oltre un anno di SARS CoV-2 e spiegare le nostre proposte per Firenze”

Foto di Massimo Lensi

Firenze Città Aperta
Sinistra Progetto Comune

Il gruppo consiliare di Sinistra Progetto Comune, con Antonella Bundu e Dmitrij Palagi, ha accompagnato questa mattina Firenze Città Aperta nella prima delle sue tappe organizzate per comprendere meglio i bisogni di chi vive il territorio dopo un anno di Covid-19.

Queste le dichiarazioni della consigliera e del consigliere:
«Ringraziamo l’associazione di FCA per averci coinvolto in questa proposta. La partecipazione digitale non può sostituire il confronto diretto con la cittadinanza, che piuttosto può articolarsi in nuove modalità, senza escludere una relazione distanziata fisicamente ma non socialmente. Siamo partiti da una parte di Firenze dove la Giunta nega esserci un problema di spopolamento, nonostante abbia annunciato un nuovo censimento per il centro storico per il quale non c’è abbastanza personale (ma non è una scoperta, è il Sindaco che fa annunci senza alcuna concretezza).

Leggi tutto “I piedi sulla città: prima tappa”

Il Sindaco affronti il tema più generale della ricettività extralberghiera

L’articolo de la Nazione Firenze cliccando qui.


Per l’ennesima volta il Sindaco torna sull’argomento, manifestando un’intenzione che non possiamo altro che condividere.

Non si può però sempre invocare solo le cose che dovrebbero fare gli altri. Per questo è interessante la parte in cui annuncia possibili azioni da parte dell’Assessorato all’Urbanistica, anche se fino a oggi tutte le nostre proposte in commissione sono sempre state bocciate dalla maggioranza, che sosteneva non esistessero strumenti locali.

Leggi tutto “Il Sindaco affronti il tema più generale della ricettività extralberghiera”

Un nuovo maxi ristorante per la vetrina di domani?

“La notizia data oggi di una nuova grande struttura di ristorazione in un’area in cui si dovrebbe immaginare un cambiamento attesta la continuità immaginata da chi governa la città”
Foto da pixy.org

“Che tipo di città sarà la Firenze di domani?

Il Sindaco – spiegano i consiglieri di Sinistra Progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – sembra voler rimettere in discussione la totale vocazione esclusivamente turistica a cui si è condannato il tessuto economico del nostro territorio. In passato ha usato persino parole di denuncia a favore del lavoro, contro le logiche della rendita.

Però concretamente leggiamo solo appelli al Governo, quasi non ci fosse alcun ruolo che il Comune può svolgere direttamente (anche in Europa, visto l’incarico apicale di Palazzo Vecchio all’interno della rete Eurocities).

Leggi tutto “Un nuovo maxi ristorante per la vetrina di domani?”

Firenze Welcome Card: senza turismo che senso ha?

“Prorogato uno strumento che non si vuole riconoscere a chi è residente nel territorio metropolitano. Ma di qui a fine maggio a chi dovrebbe essere rivolto?”
Foto da pixabay.com

Dmitrij Palagi, Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

“È stato il Partito Democratico in Consiglio a suggerire l’ipotesi di ampliare la Firenze Welcome Card anche a chi è residente sul territorio metropolitano di Firenze.

Questo perché mancando il turismo appare davvero curioso un sito dedicato al turismo “valido” fino alla fine di gennaio 2021 e ora prorogato fino a fine maggio. Quando torneranno le temperature calde quel sito – salvo ulteriori proroghe – cesserà di promuovere le attività che aderiscono.

Ma come funziona questa Firenze Welcome Card che al momento non può dare il benvenuto a nessuno? Si garantisce uno sconto del 10% e si vede la propria attività promossa in un circuito di cui si prende cura il Comune di Firenze. A costo zero, sostengono nei documenti della Giunta. Leggi tutto “Firenze Welcome Card: senza turismo che senso ha?”

Turismo: più personale per errori più grandi?

“Invece di immaginare un futuro della città adeguato al XXI secolo ecco il mega-ufficio per un turismo di qualità: giusto per ripetere, estendendoli, gli stessi errori che hanno svuotato il tessuto urbano di cittadinanza residente e favorito le logiche della rendita su quelle del lavoro?”
Immagine da twaunerd.wordpress.com

Dmitrij Palagi, Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune
Massimo Lensi, Grazia Galli – Associazione Progetto Firenze

“Il mega-ufficio ricorda il mega-direttore della saga di Fantozzi. Facendo riferimento alle immagini dei film con Paolo Villaggio si può ipotizzare un grande acquario in cui la popolazione residente sopravvissuta alle nuove politiche per il turismo possa tuffarsi, essendo ormai l’Arno appannaggio esclusivo di qualche “Florence water experience”. Leggi tutto “Turismo: più personale per errori più grandi?”