RSA dopo la fase 1: dimenticate come le persone al loro interno?

Immagine da needpix.com

Un paio di giorni fa è uscito un articolo su il manifesto in cui si riporta la denuncia mossa da un Comitato nei confronti della Regione Piemonte sul tema delle Residenze sanitarie (qui).

Il timore è che i dati sulla ripresa dei contagi di Covid-19 si possano ripetere gli episodi drammatici registrati durante le prime settimane di pandemia, a partire dal trasferimento dagli ospedali alle RSA di persone che hanno contratto il nuovo virus.
Pandemia a parte, non molto è cambiato per il socio-sanitario e l’assistenza alle persone fragili, non solo in Piemonte.
In una lettera di don Marco Bassani, sempre pubblicata sul quotidiano comunista, oggi, il tema si declina sulla Regione Lombardia e sulla condizione di isolamento delle persone anziane o non autosufficienti, da cui consegue un forte stato depressivo delle stesse.

Leggi tutto “RSA dopo la fase 1: dimenticate come le persone al loro interno?”

Covid-19: più che il quando si vota è l’assenza della politica a preoccupare

Walter Ricciardi rilascia una dichiarazione durante una trasmissione televisiva. Dice che in Italia occorre tenere sotto controllo la situazione per evitare ogni ipotesi di rinvio delle elezioni. La notizia del giorno diventa che c’è l’ipotesi di rinviare le elezioni. Oggi su Avvenire lo stesso Walter Ricciardi parla di infodemia. Dice che è stato frainteso. Che la rettifica del Ministero della Salute di ieri non era neanche una rettifica, ma una precisazione, perché le responsabilità sono del sistema di informazione.

Per quanto attiene la politica il punto è che chi la pratica, spesso, manca di responsabilità. Per qualche like e per punti nei sondaggi si dimentica come sarebbero organizzate le istituzioni. Leggi tutto “Covid-19: più che il quando si vota è l’assenza della politica a preoccupare”

Vita Indipendente, una prima vittoria per chi è in lotta

Questa mattina si è conclusa la prima parte della mobilitazione quotidiana delle associazioni in lotta per una vita indipendente da garantire a tutte e tutti, anche a chi presenta forme di disabilità gravi. 

Hanno ottenuto dalla Regione Toscana 2,5 milioni di risorse aggiuntive, mentre da lunedì inizierà un tavolo di confronto per:

  • eliminare la lista di attesa di persone in condizione di bisogno, presente sul nostro territorio,
  • smantellare l’ultima delibera della Giunta Regionale che ha preso una serie di decisioni sbagliate sul tema della vita indipendente.

Leggi tutto “Vita Indipendente, una prima vittoria per chi è in lotta”

Ancora al fianco delle persone con disabilità gravi in presidio

“Dopo gli appuntamenti della scorsa settimana, siamo tornati al presidio indetto dell’Associazione Vita Indipendente, che promuove – spiegano i consiglieri di Sinistra Progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – la protesta per le risorse insufficienti destinate a favorire la vita autonoma delle persone che presentano forme di disabilità grave.

Pare che domani si terrà finalmente un incontro, anche se è gravissimo come ci siano voluti circa dieci giornate, di grande determinazione e lotta. Mentre Luigi Gariano rimane a oltranza all’interno della sede della Regione Toscana fuori, in piazza Duomo, dalle 10.00 alle 13.00, si trovano decine di persone.

La politica e le istituzioni costringono a tanto sacrificio delle persone con disabilità per concedere ascolto e cercare soluzioni? E pensare che Toscana a Sinistra aveva dato la possibilità al Consiglio regionale di votare un atto che correggesse le sbagliate decisioni della Giunta, invano… Leggi tutto “Ancora al fianco delle persone con disabilità gravi in presidio”

Vita indipendente: ancora in presidio, ancora in lotta, per la dignità

“Il presidio di protesta rivolto alla Regione Toscana si è spostato oggi da piazza Duomo al Consiglio regionale, nel quale confidiamo che oggi possa essere votato l’ordine del giorno presentato da Toscana a Sinistra”


“Chiedono di poter vivere, con dignità, nelle proprie case, senza essere nascosti dagli occhi del resto della società. Sono le persone non autosufficienti, che si sono viste prese in giro dalla Regione Toscana, da un governo – spiegano i consiglieri di Sinistra Progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – che ha deciso di elargire risorse insufficienti e dividere un mondo fatto di bisogni, con due graduatorie che rischiano di esasperare la situazione.

L’emergenza che segna queste settimane dovrebbe costringere la politica a occuparsi di chi si vede escluso. Non viene chiesta assistenza volontaria. Vengono chiesti riconoscimenti e diritti. Dovuti.

Stamani siamo tornati a manifestare il nostro sostegno alla protesta lanciata dall’Associazione Vita Indipendente, che da piazza Duomo si è spostata sotto il Consiglio regionale. Oggi si tiene infatti l’ultima seduta di questo organismo e un ordine del giorno presentato da Toscana a Sinistra offre l’opportunità di rimediare al vergognoso atto della Giunta del recente passato.

Leggi tutto “Vita indipendente: ancora in presidio, ancora in lotta, per la dignità”

Vita Indipendente: la dignità negata dalla Regione Toscana

“Ripreso il presidio quotidiano, di protesta rispetto alle decisioni del governo regionale sul tema della non autosufficienza”


“Quanto costa potersi permettere una vita indipendente? Questa è una domanda che si è costretti a fare, in questo tipo di società, dove senza risorse economiche si finisce ai margini, tutelati nel migliore dei casi solo per le emergenze.

Lo vediamo benissimo – spiegano i consiglieri di Sinistra progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – in sanità e nel socio-sanitario, ambiti in cui la pandemia e l’emergenza legata a Covid-19 hanno acceso i riflettori su limiti e carenze apparentemente riconosciuti all’unanimità.

Sui territori si vive male, se si hanno difficoltà e non si hanno particolari disponibilità economiche, che comunque sarebbe ingiusto dover impiegare per servizi universali e garantiti dalla carta costituzionale.

Leggi tutto “Vita Indipendente: la dignità negata dalla Regione Toscana”