La salute non si vende

Si è concluso oggi un primo momento di mobilitazione promosso dal sindacalismo di base sui temi della sanità pubblica.

Abbiamo partecipato alle diverse manifestazioni lanciate dall’assemblea “Ogni Giorno il Primo Maggio” e non abbiamo fatto mancare la nostra adesione al presidio indetto di fronte al Consiglio Regionale alle 17.00, in contemporanea a una seduta di quell’organismo.

La pandemia – proseguono i consiglieri di Sinistra progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – ha acceso i riflettori sulla devastazione che la politica (di destra come di centrosinistra) ha portato all’interno del Sistema Sanitario Nazionale, in nome dell’austerità e dei tagli necessari. Leggi tutto “La salute non si vende”

Licenziamento a Torregalli, una pagina vergognosa

“Il sindacalista CISL deve essere immediatamente reintegrato. La politica deve abbandonare pratiche inaccettabili vecchie di due secoli e rifiutare ogni logica di fidelizzazione”


Queste le dichiarazioni di Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune


“Se è vero che sono beati quei popoli che non hanno bisogno di eroi ed eroine, bisognerebbe almeno evitare di colpire duramente quelle persone che fino a pochi giorni fa venivano applaudite dai balconi. Un sindacalista CISL di Torregalli dell’ospedale San Giovanni di Dio è stato licenziato, con l’accusa di aver rilasciato delle dichiarazioni al TG2, che ha trasmesso delle dichiarazioni rilasciate in forma anonima. La persona interessata dal provvedimento nega di essere la fonte di quelle frasi.

L’AUSL Toscana Centro ha deciso di fare un’indagine, stabilire chi incolpare e procedere a togliere il lavoro a questo sindacalista. Siamo ai livelli delle peggiori logiche padronali di due secoli fa. Non si tratta nemmeno dell’unico licenziamento in queste settimane in cui sarebbe vietato togliere il lavoro, in tempi di piena crisi legata alla pandemia. Ricordiamo la vicenda del Mugello, dove un operatore dei servizi ambientali era stato colpito per aver rilasciato delle dichiarazioni sulle mancanze dei Dispositivi di Protezione Individuale. Stesso “capo di imputazione” che ha riguardato Marco Lenzoni da parte dell’AUSL Nord Ovest. Leggi tutto “Licenziamento a Torregalli, una pagina vergognosa”

Erano eroi ed eroine nella lotta al Covid-19, ora sono in cassa integrazione

Dettaglio da foto di Steve Watkins da flickr.com

Questo l’intervento di Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

“Questa Giunta e Villa Donatello hanno un passato recente che abbiamo già denunciato. Il tema dei rapporti tra socio-sanitario pubblico e privato ritorna costantemente, anche ora che la cosiddetta fase 1 dell’emergenza Covid-19 sembra essere alle spalle.

Presso l’ASP Montedomini era stato istituito un reparto da 34 posti letto per questa pandemia. Ci ha lavorato personale ASL e quello del consorzio KCS caregiver Cooperativa sociale. Quest’ultimo non solo è penalizzato perché non può accedere agli incentivi previsti dalla Regione Toscana (che valgono solo per chi lavora nel servizio pubblico), ma oggi si trova in ferie o in cassa integrazione. Erano eroi ed eroine, si applaudivano dalle terrazze e ora, passato il momento di estremo bisogno, vengono dimenticati. Questo stride fortemente con i comunicati stampa di grande soddisfazione che vengono rilasciati. I risultati e i servizi sulle spalle di una classe lavoratrice velocemente dimenticata o messa da parte. Leggi tutto “Erano eroi ed eroine nella lotta al Covid-19, ora sono in cassa integrazione”

Per il lavoro, per i diritti, manifestazione oggi a Firenze

Questo l’intervento di Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

“Il 1° maggio la Firenze del lavoro e dei diritti si sarebbe dovuta ritrovare in piazza. A causa della pandemia molte mobilitazioni sono state rimandate. Il percorso unitario del 1° maggio non si è però arrestato e si è anzi rafforzato, anche se a distanza.

Oggi un ampio fronte di forze sindacali, politiche e associative si ritroverà, dalle 17, per un flash mob in movimento, partendo dal presidio sanitario di Santa Rosa.

Nel corso delle prime settimane dell’emergenza Covid-19 era evidente come il nostro vivere quotidiano dipenda materialmente dal lavoro, mentre oggi sembra si sia tornati a immaginare che occorre tutelare banche e finanza per tenere in piedi l’economia. La settimana scorsa eravamo in piazza per il diritto all’istruzione e il superamento della didattica a distanza, inadeguata a garantirlo. Questa situazione colpisce fortemente anche chi lavora ed è padre o madre.

La piattaforma della manifestazione di questo pomeriggio ci vede tra i sostenitori ed è il motivo per cui saremo fisicamente presenti, come questa mattina in piazza Gavinana (in foto), al fianco della Firenze che lotta e costruisce solidarietà. Leggi tutto “Per il lavoro, per i diritti, manifestazione oggi a Firenze”

Test sierologici e tamponi a tappeto

Foto di Henning Schlottmann (User:H-stt), da wikimedia.org

“In Regione Toscana è già stato approvato un ordine del giorno proposto da Sì – Toscana a Sinistra che va nella stessa direzione, per cui vogliamo sperare che anche il Consiglio comunale di Firenze – spiegano i consiglieri di Sinistra Progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – approverà la risoluzione depositata questa mattina, relativa ai test seriologici e alla necessità di effettuare tamponi a tappeto su tutto il territorio nazionale.

L’Università di Firenze ha sviluppato una formula di reagenti che ha già aiutato in modo significativo la realtà di Careggi. Se lo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare venisse impegnato a produrlo, avremmo a bassi costi un prodotto necessario alla cosiddetta fase 2.

La convivenza con Covid-19 prevede la necessità di effettuare tamponi a tappeto, che i test seriologici possono solo integrare e anticipare. Leggi tutto “Test sierologici e tamponi a tappeto”

RSA e sociosanitario: un sistema da ripensare

Immagine da pexels.com

“Che dalle esperienze negative si esca con un salto in avanti è segno di capacità di lettura critica e di volontà di aggredire la realtà piuttosto che subirla, un processo positivo quindi che si potrebbe mettere in campo anche dopo questa drammatica esperienza della pandemia. Le proposte che leggiamo sulla stampa di rendere stabili le forme organizzative nate con urgenza per affrontare il virus, il GIROT e le Usca, originate dalla necessità di collegare operativamente ospedale e territorio, dopo che la frattura fra i due segmenti della sanità è stata resa così pesante, sembra assai interessante. Certo – proseguono Dmitrij Palagi e Antonella Bundu di Sinistra Progetto Comune con Anna Nocentini di Rifondazione Comunista Firenze – mancano ancora da definire molti punti operativi e che ne definiscano a pieno le caratteristiche, oltre alla garanzia che non accada come per le Case della Salute, che hanno visto solo il cambiamento della targa esterna. Leggi tutto “RSA e sociosanitario: un sistema da ripensare”