Stamattina si è condannata la ricerca storica in Palazzo Vecchio

“La Lega ha proposto un atto con cui contestare un’iniziativa pubblica in cui figure autorevoli avevano parlato di foibe, trovando il sostegno del Partito Democratico: dopo l’invito di un esponente dell’estrema destra ecco un altro inquietante segnale arrivare dal Comune di Firenze”


Qui il link all’iniziativa incriminata.


Dmitrij Palagi e Antonella Bundu -Sinistra Progetto Comune 

“Dispiace sapere che un atto “ad personam” abbia ricevuto oggi consenso quasi unanime, in Commissione 7: la Lega ha ascoltato e visto un’iniziativa pubblica, organizzata sul tema delle foibe.

Partecipavano una storica (Alessandra Kersevan) e uno storico (Eric Gobetti), oltre al Segretario nazionale di Rifondazione Comunista e al consigliere comunale Dmitrij Palagi, nella qualità di responsabile cultura e formazione del PRC. Si parla esplicitamente dell’evento pubblico del 10 marzo 2021, anche se il Partito Democratico ha voluto togliere il riferimento al cognome Palagi.

Quello che rappresenta la mozione è un meccanismo di trascrizione di parte delle affermazioni di un evento pubblico, che mette in discussione – senza titolo – gli studi e le ricerche facilmente rintracciabili nelle librerie. Leggi tutto “Stamattina si è condannata la ricerca storica in Palazzo Vecchio”

Centro per i rimpatri? La Toscana dica no

“Pericolosa l’indiscrezione che vede la nostra Regione interessata da nuove ipotesi di CPR. La sinistra si organizzerà con determinazione per impedirli”
Foto di Michael Gaida

Antonella Bundu e Dmitrij Palagi (Sinistra Progetto Comune Firenze)
Francesco Auletta (Pisa possibile – Una Città in Comune – Rifondazione Comunista)
Marco Bruciati e Valentina Barale (Buongiorno Livorno)
Aurora Trotta (Potere al Popolo Livorno)
Enrico Carpini (Territori Beni Comuni Città Metropolitana di Firenze)
Beatrice Cioni e Leonardo Masi (Buongiorno Empoli / Fabrica Comune)
Lorenzo Ballerini (Campi a Sinistra)

“In questi anni si sono susseguite le denunce sulle condizioni di disumanità che le persone sono costrette a subire nei centri per i rimpatri, il nuovo nome con cui vengono chiamate le strutture in cui si privano di libertà le persone colpevoli di esistere.

Se fino ad ora, grazie ad una mobilitazione costante, siamo riusciti in Toscana a rigettare il modello repressivo di detenzione in relazione ai cosiddetti flussi migratori, ecco che sulla stampa di oggi escono indiscrezioni sull’operato delle Prefetture toscane con i sindaci dei nostri territori.

I CPR violano i diritti umani e la Costituzione perché privano della libertà persone che non hanno commesso nessun reato, ma sono semplicemente privi di permesso di soggiorno.

I rapporti pubblicati nel corso degli anni dalla campagna nazionale “Lasciateci entrare” parlano chiaro: le condizioni di vita all’interno di questi centri di detenzione sono indegni di uno Stato democratico. Leggi tutto “Centro per i rimpatri? La Toscana dica no”

Un giorno in cui ricordare i crimini del colonialismo italiano

“Depositata una risoluzione per superare il mito tossico degli italiani brava gente e riconoscere i crimini portati avanti dal nostro Paese anche prima del fascismo”
Asmara,1935 – Foto di Sauro Imola da wikimedia.org

Il testo della risoluzione depositata cliccando qui.


Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

“Una pericolosa riscrittura della storia sta andando avanti nel nostro Paese da troppo tempo. L’anno prossimo sarà il centenario dalla Marcia su Roma: crediamo sia importante arrivarci con un’azione nazionale che istituisca una giornata in cui la Repubblica ricordi i crimini portati avanti dall’Italia nel secolo scorso nelle colonie, volute ancora prima dell’avvento del fascismo. Le responsabilità riguardano i governi Crispi, Giolitti e Mussolini, oltre alla monarchia sabauda. Parliamo di stragi protratte anche per anni, di resistenze troppo spesso dimenticate, a partire da quella dell’Etiopia, o censurate, come nel caso di quella libica, anche nel secondo dopoguerra.

Leggi tutto “Un giorno in cui ricordare i crimini del colonialismo italiano”

Ponticino dei Cazzotti: dal Comune un segnale di attenzione

“Parere favorevole durante la seduta della Commissione 6 di oggi. Un episodio importante della storia della Resistenza e della Liberazione di Firenze, su cui il Comune è già impegnato e a cui si aggiunge un segnale di attenzione dal Consiglio”
Foto da isolottolegnaia.it

Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune
Filippo Zolesi – Sinistra Progetto Comune Quartiere 4

“Il quartiere 4 si era già espresso a favore di un impegno teso alla massima conservazione del cosiddetto Ponticino dei Cazzotti. Si tratta di una struttura inaugurata nel 1911 e al centro di uno scontro tra nazifascisti e Resistenza, con un successivo coinvolgimento dell’esercito alleato.

Un graffito che cita Los Angeles è finito anche nella cinematografia a stelle e strisce, come ci ha ricordato il curatore della mostra Memoria di un ponte, durante un interessante approfondimento organizzato sempre in Commissione 6, la settimana scorsa. Leggi tutto “Ponticino dei Cazzotti: dal Comune un segnale di attenzione”

Marciapiede di via della Crocetta: giù le mani dalla Resistenza

“Certo le foto istituzionali davanti alle transenne prestano il fianco ai malumori della cittadinanza, ma le parole di Fratelli d’Italia evidenziano il vero obiettivo”
Foto da comune.fi.it

Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune
Vincenzo Pizzolo – SPC Quartiere 5

“Il consigliere comunale Draghi, di Fratelli d’Italia, sceglie proprio il giorno dopo la Liberazione per evidenziare il problema del protrarsi dei lavori in via della Crocetta, dove ieri è stata scattata anche la foto istituzionale in occasione del 25 aprile.

Comprendiamo le difficoltà e i disagi della cittadinanza, però suggerire che la transenne vengano lasciate sul posto per valorizzare la targa della Resistenza è decisamente fuori luogo, attesta una strumentalità di chi evidentemente non ritiene giusto ricordare le partigiane e i partigiani, che ci hanno liberato dalla monarchia, dal fascismo e dall’occupazione nazista.

Anche perché i cartelli e le altre attestazioni che si possono vedere sono stati lasciati in modo spontaneo, quindi davvero non ha alcun senso l’illazione. Leggi tutto “Marciapiede di via della Crocetta: giù le mani dalla Resistenza”

Anche questo 25 aprile l’estrema destra a Trespiano, impunemente

“Nel 2019 avevamo ottenuto un’ampia maggioranza nel chiedere al Sindaco di impedire celebrazioni revisioniste e di chiaro stampo nostalgico anticostituzionale. Non una parola da allora è stata espressa ed è già annunciato un appuntamento anche in questo 2021”


“Quante parole si pronunceranno domani sull’antifascismo e la resistenza? Tante.

Mentre a Trespiano però le estreme destre di daranno il consueto appuntamento revisionista, con cui insultare le partigiane e i partigiani d’Italia. Con cui – aggiungono i consiglieri di Sinistra Progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – recheranno offesa al sacrificio di chi riscattò la storia del nostro Paese dalla viltà a cui ci avevano condannato monarchia e fascismo.

Un sistema di potere coloniale che usò l’ascesa di Mussolini per schiacciare la lotta delle classi lavoratrici e reprimere ogni forma di libertà. Questa è stata “l’Italia del Duce”. Camere del Lavoro bruciate, esperienze di mutualismo soffocate nel sangue, leggi razziste e la drammatica esperienza della seconda guerra mondiale, dalla parte di chi ha sistematicamente perseguito lo sterminio di una parte dell’umanità. Leggi tutto “Anche questo 25 aprile l’estrema destra a Trespiano, impunemente”