Firenze Identitaria: SPC contro l’estrema destra a Firenze

“Approvato l’ordine del giorno con cui il Consiglio comunale esprime preoccupazione per la presenza di una realtà di estrema destra, raccogliendo la denuncia di ANPI e Firenze Antifascista”


Qui l’estratto del verbale del Consiglio comunale con l’ordine del giorno approvato: Contro le forme rinnovate di identità anticostituzionali


Dmitrij Palagi, Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

“Nonostante sia stato votato senza alcun dibattito, prendiamo atto con soddisfazione del voto del Consiglio comunale di ieri sull’ordine del giorno che abbiamo presentato per evidenziare la necessità di non sottovalutare la presenza di forze di estrema destra sul territorio fiorentino.

CasaPound non ha una sede ufficiale, ma non è un mistero che sia mascherata dalla sigla Firenze Identitaria, con tanto di spazio aggregativo in pieno centro. Tanto l’ANPI quanto Firenze Antifascista hanno da tempo lanciato l’allarme.

Poche settimane fa la procura di Genova ha proceduto nei confronti di una realtà pronta a emulare le stragi di Utoya (2011) e Christchurch (2019), che esaltava i fatti di Macerata nel 2018. Leggi tutto “Firenze Identitaria: SPC contro l’estrema destra a Firenze”

Autonomia differenziata: un colpo di mano che non deve passare

“La pandemia Covid-19 ci sta confermando l’importanza di abbandonare ogni progetto di regionalismo differenziato, una secessione che alimenterebbe le ingiustizie e minerebbe la nostra stessa Costituzione”


Il testo della risoluzione presentata cliccando qui.


Queste le dichiarazioni di Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

“Il nostro gruppo consiliare ha aderito a una campagna lanciata dalla Rete Città in Comune e dal Comitato Ritiro di qualunque Autonomia differenziata, adattando un testo che sta circolando in tutti i comuni italiani, per chiedere di abbandonare l’errato tentativo di legare alla legge di bilancio un disegno di autonomia differenziata.

Leggi tutto “Autonomia differenziata: un colpo di mano che non deve passare”

Una Costituzione da vivere: Paolo Grossi riletto durante la pandemia

Articolo originale pubblicato su Il Becco dell’8 luglio 2020 (qui)
Paolo Grossi è un nome di riferimento imprescindibile per chi si interessa di storia del diritto. Fiorentino, del 1933, ha percorso numerose strade. Quella di giurista, quella di accademico e quella istituzionale. Ha ricoperto anche l’incarico di Presidente della Corte Costituzionale (tra il 2016 e il 2018).
Di due anni fa è una brevissima pubblicazione: Una costituzione da vivere (edizione Marietti 1820). Si tratta di un “breviario di valori” di qualche decina di pagine. I contenuti sono noti a chi è cresciuto tra una cultura attenta ai valori della Repubblica e della Costituzione italiana. Vengono affrontati con sintetica profondità, da un autore che interpreta le norme in relazione alla società che regolano.
Spesso il diritto viene trattato come oggetto astorico, producendo danni su diversi piani, specialmente in ambito politico e istituzionale.
L’autore ricorda verso la fine la distinzione tra individuo e persona. Il primo è un soggetto astratto, il secondo si inserisce nella società. I valori individuati in Italia nel secondo dopoguerra guardano alla seconda categoria. I DPCM e larga parte delle decisioni del recente passato alla prima.

Leggi tutto “Una Costituzione da vivere: Paolo Grossi riletto durante la pandemia”

Regioni e regionalismo, un nodo politico centrale nella pandemia

“In questa fase di emergenza legata a Covid-19 una delle problematiche più forti è il rapporto tra enti locali e livello nazionale. Lo sta dichiarando anche il Sindaco di Firenze: serve chiarezza e omogeneità dei principi con cui si sceglie di far fronte alla situazione.

I problemi di oggi non sono nuovi, sarebbe davvero fuorviante e sbagliato attribuirli alla pandemia. Gli enti regionali sono un problema aperto della Repubblica Italiana da tanti decenni, aggravatosi nel 2001 e pericolosamente maturato con chi proponeva l’autonomia differenziata ancora un anno fa.

Per questo Sinistra Progetto Comune ha collaborato con il Partito della Rifondazione Comunista nella registrazione di due brevi iniziative in cui si ricostruisce il rapporto tra regioni, regionalismo e politica istituzionale. A rispondere alle domande del Consigliere Dmitrij Palagi è stato Giuseppe Adduci,  già dirigente presso la Regione Toscana e con alle spalle esperienza di docenze in materia di ritto pubblico e di scienze politiche. Leggi tutto “Regioni e regionalismo, un nodo politico centrale nella pandemia”