25hours Hotel: il Partito Democratico nel girone del nervosismo

“Ringraziamo il capogruppo di Palazzo Vecchio del PD per aver confermato che le decisioni annunciate da Sindaco e Giunta non cambieranno decisioni sbagliate già prese da cui si poteva tornare indietro”
Foto: Carlo Galletti

Dmitrij Palagi, Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune
Tommaso Grassi – Firenze Città Aperta
Decisioni già prese su cui non si ha intenzione di fare nulla, anche se i progetti risultavano bloccati e si poteva evitare di procedere in direzioni che anche la maggioranza ritiene di dover correggere.
Questo ci conferma la nota di ieri sera del capogruppo del Partito Democratico, irritato per aver annunciato l’apertura dell’ennesimo hotel in centro a Firenze, dopo gli annunci del Sindaco e della Giunta sullo stop a nuove strutture ricettive.

Leggi tutto “25hours Hotel: il Partito Democratico nel girone del nervosismo”

Insorgiamo al fianco della classe lavoratrice della GKN

“La politica deve concretamente scegliere da che parte stare in questa vertenza, con carattere non solo locale. La parte giusta è quella che risponde all’assemblea permanente all’interno della fabbrica”
Foto: Dmitrij Palagi

Dmitrij Palagi, Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

“Insorgiam, ci chiamano gli schiavi, sbirri della Libertà”.

Sono le parole della canzone della Brigata Sinigaglia, rievocate dalla parola d’ordine scelta dall’assemblea permanente della GKN, che dovremo cantare e fare nostre ad agosto, il mese della Liberazione di Firenze. Il fascismo si afferma come forza di governo al servizio del capitale, per reprimere le lotte operaie e le esperienze di socialismo. Bene quindi che le istituzioni si dichiarino dalla parte della lotta operaia di Campi Bisenzio, ma è urgente evitare che tutto questo si limiti alle dichiarazioni stampa e ai rituali delle trattative, accompagnando la fabbrica alla chiusura. Leggi tutto “Insorgiamo al fianco della classe lavoratrice della GKN”

GKN: no a vuoti rituali da parte della politica

“Oggi pomeriggio nuova assemblea pubblica davanti ai cancelli di una fabbrica che l’azienda sta provando a chiudere con una mail”

Dmitrij Palagi e Antonella Bundu di Sinistra Progetto Comune, Lorenzo Ballerini di Campi a Sinistra del Comune di Campi Bisenzio ed Enrico Carpini di Territori Beni Comuni della Città Metropolitana di Firenze


Eravamo ieri al fianco dei lavoratori e delle lavoratrici della GKN e lo saremo anche questo pomeriggio, alla nuova assemblea pubblica convocata per le 16.30.

C’erano – spiegano – anche molte altre figure istituzionali e politiche, per fortuna: ora vorremmo che si evitasse di ridurre l’attenzione ai rituali fin troppo conosciuti, che esprimono rabbia, preoccupazione e poi non fanno soluzioni.

Gli interventi ascoltati parlano di riscatto e volontà di costruire lotte organizzate dal basso, da alimentare, per riportare sui territori i meccanismi di potere che schiacciano centinaia di vite e di famiglie.
A che serve un’economia incentrata sulla finanza, che vede le azioni salire quando si licenziano in un giorno 420 persone e uno stabilimento bloccato nel giro di poche ore?

Leggi tutto “GKN: no a vuoti rituali da parte della politica”

Pubblico è meglio: ma la maggioranza non lo pensa

“Un ordine del giorno con cui chiedevamo di escludere per i prossimi tre anni ogni ipotesi di privatizzazione o disimpegno rispetto alle partecipate”
Foto di Jernej Furman da flickr.com

Dmitrij Palagi, Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

“La politica è bene che parta da posizioni chiare, senza ambiguità: in una situazione di piena pandemia, dove si stanno per investire ingenti risorse pubbliche, in cui si distribuiscono ristori e aiuti alle realtà private, ci sembrava necessario dare un indirizzo chiaro al Sindaco e alla Giunta. Nessuna dismissione, nessuna privatizzazione, confermando l’impegno pubblico nelle partecipate.

Dopo oltre un anno di Covid-19 occorre capire senza ambiguità chi ha capito la necessità di invertire la rotta rispetto a decenni di svendite e assoluta egemonia delle uniche logiche di mercato, a discapito dei diritti e dei bisogni delle persone, che non sono solo consumatrici.

Leggi tutto “Pubblico è meglio: ma la maggioranza non lo pensa”

Cultura e digitale: superare la logica della “Netflix italiana”

“Approvata senza voti contrari la risoluzione presentata da Sinistra Progetto Comune ed emendata dal Partito Democratico: si invita il governo a coinvolgere la RAI e investire sulla realizzazione delle opere, invece di concentrarsi sulla distribuzione”
Foto da pixabay.com

La mozione approvata cliccando qui.


Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

“Abbiamo trovato infelice l’espressione “Netflix italiana”. Ci sembra indicativa di una logica concentrata sulla distribuzione e sulle grandi realtà di mercato, costruite su logiche del profitto che poco hanno a che vedere con la Costituzione e i principi riconosciuti anche in sede europea.

Si investono 10 milioni dello Stato e 9 milioni di Cassa Depositi e Prestiti per una società dove il privato ha il 49%, nonostante un impegno minore (9 milioni, in cui è compresa la stima del valore dell’infrastruttura offerta).

Il tutto con un riferimento alle grandi piattaforme di fruizione digitale, rispetto alle quali davvero non è possibile immaginare nessuna concorrenza, che pure rimane una logica da evitare.

Il Consiglio comunale di ieri, senza voti contrari (con non voto e assenze dall’aula delle destre), ha chiesto al Governo di rivedere le sue decisioni. Leggi tutto “Cultura e digitale: superare la logica della “Netflix italiana””

Leonardo ed ex Ote: il Sindaco sta con il lavoro solo a parole?

“FIOM, FIM, UILM denunciano la totale assenza di interlocuzione con l’Amministrazione comunale di Firenze. A noi in Consiglio era stato detto che si sarebbe proceduto al confronto con le parti sindacali, ma la maggioranza ha scelto di stare dalla parte sbagliata di questa vicenda”
Foto da comune.fi.it

Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune

“Oggi è uscito un comunicato stampa a firma FIM, FIOM, UILM, in risposta all’annuncio che il Comune di Firenze ha fatto insieme a Leonardo SpA, per annunciare come nell’ex stabilimento OTE sia previsto un nuovo polo formativo tecnologico, dentro il quale sarà ospitato un istituto di formazione.

Sul cambio di destinazione d’uso le parti sindacali avevano però chiesto un confronto e la loro voce l’avevamo portata direttamente in Consiglio comunale, a novembre 2020.

L’Assessora ci aveva risposto in modo apparentemente chiaro: c’era la disponibilità al confronto per capire quale soluzione trovare per mantenere la vocazione industriale dell’area.

In questo anno (dall’approvazione della variante in Palazzo Vecchio) a oggi non c’è stato però nessun dialogo reale. Gli annunci travolgono la realtà.

Si parla di eccellenze e avanguardia, mentre si tace sulla drammatica perdita dei posti di lavoro. Non possiamo vivere di solo turismo, viene detto troppo spesso. Leggi tutto “Leonardo ed ex Ote: il Sindaco sta con il lavoro solo a parole?”