Grande è la confusione sotto il cielo, oggi, secondo Massimo D’Alema

Foto di Gerd Altmann da Needpix

Articolo uscito su Il Becco, qui.


Massimo D’Alema è ormai un archetipo della politica italiana, almeno sulle reti sociali. Tra meme e discussioni polarizzanti, diventa difficile scrivere il suo nome senza sentire in sottofondo il tuono di qualche polemica.

Donzelli Editore ha pubblicato, a maggio 2020, il testo di alcune lezioni tenute alla Link Campus University, nel corso dell’anno precedente, riviste alla luce della pandemia Covid-19, che ha spinto all’autore a scrivere un’introduzione che colloca le analisi di politica internazionale nel contesto contemporaneo dell’emergenza sanitaria.

La geopolitica è un terreno affascinante e pericoloso. Spinge anche le persone più preparate ad astrarre la realtà, quasi la vita quotidiana fosse un gioco da tavola.

Grande è la confuzione sotto il cielo è il titolo di questo prodotto editoriale, che non può essere considerato tra le cose più interessanti scritte da un protagonista della cosiddetta Seconda Repubblica italiana.

I passaggi più interessanti sono gli aneddoti. La battuta di Giovanni Paolo II sul comunismo (“chi difenderà ora i poveri?”), la visita a Gaza prima del tracollo di Fatah nell’area, la frase di Gheddafi sui bikini in Libia, le dichiarazioni di Gorbačëv durante una cena informale… Racconti narrati con semplicità, non priva di toni autocompiaciuti. Se non fosse D’Alema potremmo parlare anche di ingenuità, almeno quando descrive la devozione di Putin per San Nicola, attestata a Bari, come un elemento indicativo dello spirito reale dell’uomo del Cremlino… Un gesto lontano dalle telecamere, ma compiuto di fronte a esponenti istituzionali, non detto sia da considerare un gesto spontaneo. Non per essere cinici a tutti i costi, ma la politica non coincide con le sue narrazioni… Leggi tutto “Grande è la confusione sotto il cielo, oggi, secondo Massimo D’Alema”

Covid-19: più che il quando si vota è l’assenza della politica a preoccupare

Walter Ricciardi rilascia una dichiarazione durante una trasmissione televisiva. Dice che in Italia occorre tenere sotto controllo la situazione per evitare ogni ipotesi di rinvio delle elezioni. La notizia del giorno diventa che c’è l’ipotesi di rinviare le elezioni. Oggi su Avvenire lo stesso Walter Ricciardi parla di infodemia. Dice che è stato frainteso. Che la rettifica del Ministero della Salute di ieri non era neanche una rettifica, ma una precisazione, perché le responsabilità sono del sistema di informazione.

Per quanto attiene la politica il punto è che chi la pratica, spesso, manca di responsabilità. Per qualche like e per punti nei sondaggi si dimentica come sarebbero organizzate le istituzioni. Leggi tutto “Covid-19: più che il quando si vota è l’assenza della politica a preoccupare”

Accorpamento della Forestale ai Carabinieri: porre rimedio all’errore

Foto di Norbert Nagel da wikimedia.org

Il testo della risoluzione presentata cliccando qui.


“Presentata questa mattina una risoluzione per chiedere un segnale al Comune di Firenze, che possa essere l’inizio di una diffusa campagna nazionale negli enti locali”


“La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha dato ragione alle persone appartenenti all’ex Corpo Forestale dello Stato che avevano fatto ricorso contro l’incorporazione all’Arma dei Carabinieri. La scelta scellerata dell’allora governo di “centrosinistra” ha costretto infatti professionalità importanti della nostra Repubblica – spiegano i consiglieri di Sinistra Progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – a una militarizzazione forzata. Una decisione scellerata che ha non ha avuto effetto soltanto nelle regioni a statuto speciale.

Leggi tutto “Accorpamento della Forestale ai Carabinieri: porre rimedio all’errore”

Carlo Giuliani vive nelle lotte di chi non si arrende alle ingiustizie

Simone Ramella da Flickr.com

“Avremmo voluto essere a Genova, oggi, per ricordare Carlo Giuliani, assassinato per mano di una violenza di Stato rimasta impunita.

Provarono ad affogare nel sangue il movimento alter-mondialista, in quel luglio del 2001. Le ragioni di quelle lotte – spiegano i consiglieri di Sinistra Progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – però vivono ancora, più attuali che mai, in un presente che guarda al passato, incapace di immaginare un futuro migliore, più sostenibile, attento ai bisogni e ai diritti delle persone. Vivono nella risposta di chi ancora trova le energie e la determinazione di non rassegnarsi di fronte alle ingiustizie del nostro sistema, dei nostri modelli di sviluppo. Leggi tutto “Carlo Giuliani vive nelle lotte di chi non si arrende alle ingiustizie”

Sinistra Progetto Comune: “Aderiamo a Sinistra Progetto Comune”

Andrea Stöckel da publicdomainpictures.net

Queste le dichiarazioni di Dmitrij Palagi e Antonella Bundu- Sinistra Progetto Comune e Giorgio Ridolfi e Francesco Torrigiani – Consiglieri al Quartiere 1 di Sinistra Progetto Comune


“Tanti auguri a Maurizio Sguanci e alla sua nuova avventura in Italia Viva. Dopo molte notti serene e senza travagli interiori (forse il Presidente del Quartiere 1 può venire alle feste della sinistra per mangiare senza appesantirsi), anche noi abbiamo deciso di gettare il cuore oltre l’ostacolo e rinnovare l’adesione al gruppo Sinistra Progetto Comune, oltre all’iscrizione ai vari Circoli ARCI e a ANPI di appartenenza. Risparmiamo per dovere di sintesi le altre tessere che segnano i nostri percorsi di militanza (forse “monotoni”?).

Crediamo però che l’uso della Rete Civica e delle istituzioni dovrebbe astenersi da comunicazioni di carattere personale e di ruoli politici che si sviluppano fuori dai ruoli per cui siamo stati elette ed eletti. Un Presidente di Quartiere, come un Consigliere e una Consigliera, svolge una funzione che prescinde dalla tessera di partito che ha in tasca, rispondendo a chi lo ha votato in primo luogo, sulla base del mandato elettorale. Le stesse organizzazioni di appartenenza sono luoghi ovviamente importanti, riconosciuti e indicati dall’impianto costituzionale per organizzare il dibattito e la partecipazione. Però svolgono un ruolo diverso da quello dei gruppi consiliari e dalle funzioni di governo. Leggi tutto “Sinistra Progetto Comune: “Aderiamo a Sinistra Progetto Comune””

Una Costituzione da vivere: Paolo Grossi riletto durante la pandemia

Articolo originale pubblicato su Il Becco dell’8 luglio 2020 (qui)
Paolo Grossi è un nome di riferimento imprescindibile per chi si interessa di storia del diritto. Fiorentino, del 1933, ha percorso numerose strade. Quella di giurista, quella di accademico e quella istituzionale. Ha ricoperto anche l’incarico di Presidente della Corte Costituzionale (tra il 2016 e il 2018).
Di due anni fa è una brevissima pubblicazione: Una costituzione da vivere (edizione Marietti 1820). Si tratta di un “breviario di valori” di qualche decina di pagine. I contenuti sono noti a chi è cresciuto tra una cultura attenta ai valori della Repubblica e della Costituzione italiana. Vengono affrontati con sintetica profondità, da un autore che interpreta le norme in relazione alla società che regolano.
Spesso il diritto viene trattato come oggetto astorico, producendo danni su diversi piani, specialmente in ambito politico e istituzionale.
L’autore ricorda verso la fine la distinzione tra individuo e persona. Il primo è un soggetto astratto, il secondo si inserisce nella società. I valori individuati in Italia nel secondo dopoguerra guardano alla seconda categoria. I DPCM e larga parte delle decisioni del recente passato alla prima.

Leggi tutto “Una Costituzione da vivere: Paolo Grossi riletto durante la pandemia”